Pizza

Pizza senza glutine e senza mix dietoterapici

Pizza senza glutine e senza mix dietoterapici - La Cassata Celiaca

Pizza senza glutine e senza mix dietoterapici – La Cassata Celiaca

Mi ero intestardita a provare a fare una pizza che non avesse mix dietoterapici (sono i mix che troviamo in commercio a base di farine senza glutine e amidi, ma che annoverano tra gli ingredienti anche zuccheri, addensanti e a volte lattosio, oltre al resto).

Nel frattempo volevo usare la farina di quinoa e ho provato per due volte ad ottenere una pizza degna di questo nome ma invano.

Pizza senza glutine e senza mix dietoterapici - La Cassata Celiaca

Pizza senza glutine e senza mix dietoterapici – La Cassata Celiaca

Intanto ho definitivamente capito che a me la farina di quinoa non piace ed è strano perché a me piace tutto; inoltre due volte su due la pasta non ha lievitato. Io coraggiosamente l’ho cotta lo stesso, ma appunto sono coraggiosa.. improponibile.

Poi mi sono detta che era meglio cestinare la quinoa (che in grani mi piace) e provare ad  usare gli stessi ingredienti che ci sono nei mix ma in quantità che conosco e soprattutto con lo xantano come unico addensante.

Pizza senza glutine e senza mix dietoterapici - La Cassata Celiaca

Pizza senza glutine e senza mix dietoterapici – La Cassata Celiaca

Ho optato per farina di riso, fecola, maizena e farina di grano saraceno e non solo ha lievitato in maniera esagerata ma la pizza era anche soffice e buonissima, con i bordi leggermente croccanti quanto basta e ben alveolati (peccato non avere saputo fotografare meglio il bordo bello gonfio).

Ora so che in caso di mancanza di mix posso contare su una miscela del genere che mi garantirà un buonissimo prodotto.

Enjoy!

Pizza senza glutine e senza mix dietoterapici - La Cassata Celiaca

Pizza senza glutine e senza mix dietoterapici – La Cassata Celiaca

 

 

 


Pizza senza glutine e senza mix dietoterapici - La Cassata Celiaca

Ingredienti per 2 pizze:

200 g farina di riso finissima senza glutine Nutrifree

40 g farina di grano saraceno Nutrifree senza glutine

40 g fecola senza glutine

40 g maizena senza glutine

10 g zucchero

6 g gomma di xantano

5 g lievito di birra fresco

4 g sale

10 g olio d’oliva

280 g acqua

per il condimento:

passata di pomodoro

mozzarella

fontina râpée

melanzana a cubetti e fritti

origano

olio d’oliva

prosciutto cotto

 

Procedimento:

Circa 5 ore prima di cuocere la pizza procedi con l’impasto.

Versa in una ciotola le farine, gli amidi, lo zucchero e il lievito sbriciolato e mescola.

Versa a poco a poco l’acqua e impasta con le mani oppure con un’impastatrice.

Lavora per circa 10′ in modo che l’acqua sia ben assorbita e che lo xantano inizi ad attivarsi.

Infine incorpora il sale e l’olio e impasta per qualche minuto.

Dividi l’impasto in due porzioni, mettile in una ciotola infarinata, copri con pellicola la ciotola e lasciale raddoppiare di volume. La durata della lievitazione dipende dalla temperatura di casa, da me c’erano 24° e ha impiegato 3 ore.

Stendi i due panetti su due fogli di carta da forno leggermente infarinati con farina di riso finissima, dando una bella forma circolare e perdendo un poco di tempo nell’uniformare i bordi, lasciandoli un poco più spessi rispetto al resto della pizza.

Nell’attesa scalda il forno al massimo della temperatura (da me 275°) lasciando al suo interno la pietra refrattaria nel ripiano più basso del forno (in mancanza di pietra lascia una placca da forno al suo interno).

Ungi i bordi delle pizze.

Condisci le pizze con la passata, con un poco di  prosciutto cotto, i cubetti fritti di melanzana, la fontina râpée e dell’origano.

Cuoci una pizza per volta per circa 9′, togli la pizza da forno, condiscila con la mozzarella sgocciolata a sbriciolata e cuoci ancora per 4′.

Ripeti la stessa procedura per la seconda pizza. A meno che tu non abbia un forno abbastanza ampio per cuocere due pizze alla volta sulla pietra.

Servi subito.

Pizza senza glutine e senza mix dietoterapici - La Cassata Celiaca

Se volete altri suggerimenti per condire le vostre pizze, cliccate qui.

Credo che questa pizza cotta in forno professionale a 400° somigli molto a quelle che troviamo in certe ottime pizzerie di Palermo; come dice Amoriello: “un altro ingrediente indispensabile per la buona riuscita di una pizza è il forno”…per ora mi accontento così… per ora.

You Might Also Like

6 Comments

  • Reply
    Leti- Senza è buono
    18 ottobre 2017 at 18:31

    Ecco una ricettina perfetta per me <3 mi segno tutti gli ingredienti ^.^ preparerò prestissimo questa super pizza con il mio amatissimo lievito madre, altra tua eccezionale creazione 😀 un abbraccio cara

  • Reply
    ConUnPocoDiZucchero Elena
    19 ottobre 2017 at 12:21

    sai che io per la pizza ho un debole incredibile e quindi ieri quando ho visto qst meraviglia sui social non vedevo l’ora di venire a leggerla! e eccomi qui, a stupirmi e strabuzzare gli occhi davanti a tanta meraviglia e a tanta bravura! ma con te si sa che si cade sempre sul morbido! <3

    • Reply
      lacassataceliaca
      19 ottobre 2017 at 20:07

      ma che carina sei!! sei sempre un vero tesoro, grazie di cuore e bacioni

  • Reply
    Stefania
    19 ottobre 2017 at 12:24

    Se mi assento per un po’ tu prepari un menù completo dall’antipasto al dolce!
    Finalmente l’esperimento è riuscito! Ma è più buon questa versione senza mix o quella con i mix?
    Bisous

    • Reply
      lacassataceliaca
      19 ottobre 2017 at 20:10

      ahahahah già fatto! si devo dire finalmente! quella maledetta farina di quinoa non so che casini faceva, ma togliendola ecco qui. E’ una versione diversa in effetti, se fosse cotta nel forno a legna somiglierebbe ad una che ho mangiato in un pizzeria in cui ti vorrei portare, nel forno di casa perde di sicuro, ma con tutto ciò mi è piaciuta, l’ho trovata più leggera. In caso di mancanza questo mix può essere un valido sostituto. bisous!!

    Leave a Reply

    CONSIGLIA Torta di mais